indietro


5 marzo 2004

tratto da Le scienze on line

leggi

vai

 

La prima farfalla transgenica

Inserito un gene di medusa in un lepidottero africano

Per studiare meglio gli schemi di colore delle ali delle farfalle, alcuni biologi dell'UniversitÓ di Buffalo hanno inserito in un lepidottero africano (Bicyclus anynana) un marcatore genetico prelevato da una specie di medusa. Il risultato Ŕ la prima farfalla transgenica che esprime il DNA di un'altra specie animale.
La ricerca consentirÓ agli scienziati di studiare come caratteristiche del tutto nuove, quali gli schemi di colore sulle ali, si siano evoluti a partire da antenati alati privi di colore. I dettagli sono stati descritti in un articolo pubblicato sulla rivista "Proceedings of the Royal Society: Biological Sciences".
"Vogliamo comprendere - spiega Antonia Monteiro - come nell'evoluzione possano emergere caratteristiche originali". Il gene della medusa Ŕ stato scelto per la sua fluorescenza, che fornisce un metodo semplice per rintracciare il punto dove viene espresso.
Secondo Monteiro, la produzione di una farfalla transgenica rappresenta un fondamentale punto di non ritorno nello studio di questi insetti. Sono stati prodotti sette diversi individui, tutti che esprimono il marcatore (EGFP, enhanced green fluorescent protein) negli occhi.

 


scrivi
axiabiotech@axiaonline.it



Powered by LivePerson